Assorbenti e tamponi, consapevolezza e informazione

Alle volte può sembrare banale, ma vi siete mai chieste cosa sia contenuto nel vostro assorbente? o nel vostro tampone interno?

La verità è che l’informazione non è mai abbastanza e spesso risulta mancante. Ho avuto la grande fortuna di imbattermi in una delle letture più carismatiche e interessanti degli ultimi tempi “Questo è il mio sangue” di Elise Thiébaut.

Con grande ironia e grande capacità professionale introduce alle mestruazioni sfatando miti e leggende e introducendo importanti dati. Quello su cui mi sono soffermata è proprio sul contenuto degli assorbenti e dei tamponi e un po’ mi sono venuti i brividi.

La verità è che NON LO SAPPIAMO, non sappiamo cosa contengono e riusciamo a tenerli addosso per ore! Infatti la legislazione non prevede alcuna norma (se non sulla produzione della carta) ma nessuna autorità sanitaria ha l’obbligo di controllare cosa sia mescolato insieme a quella carta.

Infatti i test effettuati da una ricerca “60 Millions de consommateur ” riporta dati sconcertanti, dalla presenza di pesticidi a sostanze potenzialmente molto dannose per il sistema riproduttivo e per la nostra salute.

Ora, lungi da me fare del terrorismo, ma qualche domanda me la sono posta, come mi sono interrogata sul fatto di continuare ad utilizzare i dispositivi in commercio o optare per scelte più green (come la mooncup), ma la verità è che esistono moltissimi altri metodi per affrontare il periodo mestruale e questo libro le spiega tutte e lo fa molto bene.

In ogni caso quello che realmente conta è l’informazione e ce ne è troppo poca.

Come donna e come puericultrice vorrei che ci fosse più informazione e consapevolezza, non tanto per intraprendere una battaglia, ma per poter scegliere serenamente, prendendoci cura di noi stesse.