Lettera a un papà

Caro papà,
eccoci qua. Ora tutto ha inizio, quelle manine minuscole, quei piedini minuscoli. Sono qui per parlare con te, il papà, quello troppo spesso sottovalutato. E invece guardati, quante cose sono cambiate nel corso degli anni e ora sei qui, con il tuo piccolo tra le braccia, lo studi, centimetro per centimetro, lo tocchi, ne percepisci il peso.
Che meraviglia, ora tutto sembra più reale.

E allora adesso si parte per l’avventura papà, l’avventura più bella del mondo, la più grande di tutta la tua vita fatte di indugi, tormente, tempeste ma soprattutto di tantissimo sole.
Dopo anni di patriarcato, in cui la società ti aveva messo in un angolino per cui dovevi solamente portare la pagnotta a casa, oggi ti sei sudato un ruolo più grande: quello di super eroe. Eh sì perché per il tuo bambino sarai sempre il suo papà grande, forte, sicuro. Quello che lo lancerà in aria e lo riprenderà, quello che si arrampicherà sugli alberi con lui e lo aiuterà a rialzarsi ogni volta che si sbuccerà le ginocchia. Sarai un super papà.

Lo vedo sai? Che sei innamorato oltre ogni limite che ami, ami come non hai mai amato prima, forse anche come e quanto non avresti mai potuto immaginare di poter fare; e lui lo sente, lo sa perfettamente e questo lo fa stare profondamente bene. E allora papà continua ad innamorarti, amalo pazzamente, follemente, irrazionalmente. Insegnagli che essere sensibili è la chiave, che non è debolezza. Riempilo di baci, di carezze, di giochi, di risate. Diventa suo complice! Fallo sentire profondamente, amato, compreso, stimato.

Non cadere nel tranello dei progetti, buttali via tutti! Guardalo, impara a scrutarlo, sprofonda nei suoi occhi e immergiti nella persona nuova, stupenda che hai di fronte. Conoscilo!

Respira papà, lo so che farai fatica, lo so che alle volte vorresti dire “sì” invece che “no”. Vorresti correre con lui, invece di dirgli di stare fermo, vorresti fargli mangiare caramelle finché la pancia non è piena piuttosto che imporre; ma sai che serve anche quello. La soluzione trovala con lui, fidati di lui e di quanto ti può insegnare. Ti cambierà, eh sì papà, ti cambierà profondamente ma solo nel momento in cui tu sarai disposto al cambiamento.
Vorrai più tempo papà, il tempo è preziosissimo, a volte non ne avrai abbastanza o non ti sembrerà di averne abbastanza, sfrutta bene quello che hai, sii presente e non distratto.

E allora, papà, lasciati cambiare, mettiti in discussione, lascia che questo enorme e incontenibile amore ti travolga, ti sommerga, fatti fare le carezze, lascia che ti pettini, che ti baci, lascia che giochi con le tue orecchie. Mostrati fragile, così che impari che essere uomini significa esserlo a 360°. Ama la sua mamma, amala, rispettala, insegnagli che cos’è un rapporto d’amore, una storia d’amore; sarà uno dei regali più grandi che potrai mai fare a tuo figlio. Si porterà questo amore dentro allo zaino per sempre, in giro per il mondo.

Insegnali la curiosità per la vita, per le cose belle, ad apprezzare i dettagli, i piccoli gesti, insegnagli a desiderare grandi cose, fino alle stelle, oltre le galassie. Insegna a tuo figlio a sognare in grande; non dimenticarti mai di ripetergli che, se vorrà, potrà cambiare il mondo, potrà fare grandi cose. Diglielo, non smettere mai di parlarci, di comunicare, non dare per scontate le parole. Le parole sono importanti.
Digli che potrà diventare ciò che vuole, amalo per quello che è, fallo sentire insostituibile, prezioso e unico. Insegnagli quanto vale, non dimenticarti mai di dirgli che lo ami.

Sii il padre di cui, anche tu, avresti avuto bisogno. Buona fortuna papà, sono sicura che sarà un successo.

con affetto,
Marta